Accendiamo speranza, coraggio e allegria.

Si chiude il decimo anno di crisi economica, mentre i segnali di ripresa economica sono ancora deboli e l’incertezza è il sentimento più diffuso.

Le ferite economiche del corpo sociale sono ancora aperte: l’indebitamento delle famiglie, la perdita di posti di lavoro, il taglio del welfare hanno provocato molti milioni di vittime. Molti settori economici ancora annaspano. La crisi dei consumi è tutt’ora in atto.

La fiducia stenta a risalire. Le prossime elezioni non contribuiranno alla stabilità, mentre montano nuove minacce dettate dal rancore sociale.

Il nostro motto, “think boldly” – pensa audace – ci ha accompagnato in questi anni durissimi, nei quali la comunicazione ha subito tali sconvolgimenti che oggi sembra passato un secolo e non un decennio dal 2008, anno della sconvolgente bolla speculativa, esplosa nella finanza prima per devastare poi l’economia reale.

Abbiamo affrontato la tempesta economica un passo dietro l’altro, stringendo i denti, guardando avanti, imparando a gestire i cambiamenti momento per momento. L’avvento dell’era digitale ha cambiato procedure, approcci e visione nella comunicazione. Ancora una volta è sembrato che i nuovi mezzi messi a disposizione dalla tecnologia potesse sostituire le idee. Non abbiamo ceduto al conformismo.Perché ragionamento, intuizione, innovazione e coraggio sono stati i nostri punti cardinali; la creatività la nostra bussola; la cultura professionale il nostro sestante.

Nonostante tutto, abbiamo continuato, con sagacia e determinazione a lavorare per il successo dei nostri clienti -le aziende, le istituzioni e le organizzazioni – e dei clienti dei nostri clienti: i consumatori, i cittadini, le persone.

Ai quali promettiamo di “pensare audacemente” anche il prossimo 2018. Buone feste a tutti voi, da ciascuno di noi.

Art director: Riccardo Bizziccari; copy writer: Marco Ferri.
Think boldly.

Accendiamo speranza, coraggio e allegria.